COSA SI INDOSSA E NON SI INDOSSA A UN FUNERALE. IL #DRESS CODE DEL LUTTO.

  • 20
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    20
    Shares

Il Dress code del lutto

Buongiorno amici, su comemivestooggiblog vi parlo di un argomento tanto delicato quanto difficile.

Innanzitutto voglio dirvi che per me il funerale è un momento intimo e familiare, per questo partecipo molto di rado; è una forma di rispetto nei confronti del dolore altrui che deve essere vissuto in forma privata. Tuttavia questo rappresenta un mio pensiero. 
Sono piuttosto favorevole ai funerali all’americana, dove l’ultimo saluto è una festa, un modo alternativo per dare conforto alla famiglia e per un addio in grande stile.

Avevo in mente questo articolo da parecchi anni, ancora prima di aprire il mio Blog, quando, partecipando a un funerale, ho visto persone con un abbigliamento davvero fuori luogo e ho pensato che forse potrebbe essere utile scrivere qualcosa sull’argomento.
Certo, non apparteniamo a personaggi del Jet Set o Stars Hollywoodiane, ma anche il lutto ha il suo Dress Code

COSA NON INDOSSARE:

innanzitutto avere sempre spalle e braccia coperte, anche in piena estate, sia per l’uomo che per la donna. Quindi mai camicie a maniche corte per lui (orrende sempre, già l’ho detto qui) e per lei usare al limite un coprispalla o una  stola. Potrebbe sembrare esagerato o sorpassato, ma non lo è, il buon gusto e il decoro non scadono mai.

No ai colori troppo appariscenti e vistosi, no alle macro-fantasie e tessuti optical, army e animalier. Non esagerate nemmeno con i gioielli, almeno che non siano gioielli di famiglia, ma sempre con parsimonia, mentre la bigiotteria è assolutamente out.
No al trucco esagerato e ai tacchi troppo alti. D’estate cercate di avere sempre il piede coperto o quantomeno non indossate un sandalo infradito, anche se è il più bello del mondo, e mai sandali gioiello, mi raccomando. La bag non a tracolla.
Sneakers e jeans? Beh non serve nemmeno che ve lo dica, io non li sopporto nemmeno ai matrimoni, figuriamoci ai funerali né per lei né per lui.


COSA INDOSSARE:

sì ai colori tenui, ai blu e ai grigi, ma anche al rosa cipria, oltre naturalmente al nero indiscusso. Il bianco lo eviterei, ma un crema abbinato al nero può essere una buona soluzione, lo trovo elegante e raffinato.
Come abito per queste occasioni io prediligo il tubino, lo trovo perfetto, ma sempre con sopra una giacca o comunque non si devono vedere né intravedere spalle o braccia. Perfetto il tailleur modello chanel, sobrietà ed eleganza ai massimi livelli, però con blouse senza scollatura. 
Ottimo anche il tailleur con pantalone, per chi non ama le gonne! Un outfit perfetto per ogni occasione formale, anche per questa.
Se non amate né i tubini né i tailleur con pantalone, state almeno attente ai colori e scegliete sempre abiti dal taglio semplice,  questa è la regola base.
La bag deve esser di colore scuro, preferibilmente una pochette o una clutch.
Sì ai cappellini e ai guanti, ma solo se sapete portarli. La veletta si indossa solitamente per funerali di Stato o di personaggi pubblici, anche se a me piace molto, ma questo è un altro discorso.
Per lui un completo, non spezzato preferibilmente, è perfetto! La cravatta può essere anche evitata, a parte per funerali dell’Alta Società. In alternativa, un  bel pantalone e una camicia sono sufficienti e se ci troviamo in inverno abbinateci un bel cappotto

Infine, concludo dicendo che l’importanza del giusto abbigliamento per una occasione così triste è sì importante, perché è una forma di rispetto nei confronti della persona persa e dei suoi familiari, ma non certo la più importante, in quanto sappiamo benissimo che le cose importanti sono ben altre. 
Se però vi trovate in difficoltà nella scelta più indicata per queste occasioni, senza rischiare di essere irrispettosi, spero che questo post vi sia utile.

Photos by Instagram

 

Dress Code per un funerale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vuoi ricevere i miei nuovi post direttamente nella tua casella di posta?

Iscriviti alla newsletter!

  •  
    20
    Shares
  • 20
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

15 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *